Recensioni di libri scritti da donne

Smith, il ricordo di un’amicizia e la complessità del presente

Autunno (225 pagine, 17,50 euro) è il primo di una serie di libri che Ali Smith dedica alle stagioni. Sono storie a sé e possono essere lette indipendentemente dai volumi che le precedono. Autunno, tradotto da Federica Aceto e pubblicato dalla casa editrice Sur, viene spesso indicato come un libro sulla Brexit e le disastrose conseguenze che sono seguite: il referendum è sicuramente un tema importante all’interno della storia, ambientata a una settimana dal voto, ma non è il solo e l’autrice è attenta a non indicarlo chiaramente, preferendo lasciarlo sullo sfondo, quasi una sensazione che trasmette al lettore un clima di incertezza e di ostilità diffuse. Articolo di Leggiledonne apparso su LuciaLibri.

Un’amicizia fuori dal comune

Non a caso questa stagione evoca nell’immaginario un simbolo di decadenza e i segnali di questo progressivo degrado sono evidenti: le persone sono diffidenti, le notizie dei giornali diffondono timori ed episodi di violenza spaventosi che scivolano nello spettacolo effimero della cronica, sui muri e sui balconi delle case appaiono scritte che urlano “tornate a casa!”.
In questo clima di velata tensione – nessuno condivide pubblicamente uno stato di malessere – conosciamo la storia di un’amicizia fuori dal comune tra Daniel, il vecchio vicino di casa, e una bambina di otto anni di nome Elisabeth che rivive la nascita di questo legame straordinario a trent’anni di distanza, negli ultimi istanti di vita del suo mentore. Perché di questo si tratta, di un mentore estremamente sagace che insegna a una mente vivace e ancora malleabile i valori fondamentali del rispetto, della tolleranza, della diversità, della relatività delle nostre verità, di ciò che chiamiamo normale o anormale. È sempre Daniel che le svela il mondo dell’arte e dell’estetica, in quanto artista e “artistoide”, e sarà grazie alle sue preziose lezioni se Elisabeth diventerà professoressa di storia dell’arte.

Simili nella diversità

È la diversità e il senso del diverso a legare due persone di età così distanti: Daniel passa per un vecchio omosessuale artistoide, con la fissa per la Pop Art; Elisabeth è una bambina intelligente e stranamente interessata alla filosofia e alla letteratura. Il testo è infatti ricco di richiami letterari e propone continui rimandi a scrittori, pittori, artisti e alle loro opere (Charles Dickens, Thomas Hardy, Aldous Huxley). L’attenzione particolare attribuita alle immagini, alla parola scritta e ai loro significati possibili ci ricorda che il prodotto dell’arte non può vivere se non grazie all’impianto che lo precede, ci ricorda che le idee e i pensieri passati plasmano il nostro sentire attuale.
L’intertestualità è un tema molto caro ad Ali Smith, che nei suoi testi non risparmia citazioni e riferimenti letterari, consapevole com’è del fatto che l’intertestualità è il muro portante della letteratura.

Frammenti di una società

Non è la trama che conta: in Autunno non c’è intreccio ma idee, visioni, frammenti, memorie che restituiscono il ritratto di una società in crisi, violenta e intollerante, dove si deve dimostrare che la propria identità corrisponde allo standard richiesto (in alcune scene, Elisabeth è alle prese con il rinnovo del proprio passaporto e il percorso burocratico subisce diversi intoppi). È una realtà dove la sicurezza lavorativa è un privilegio di pochi e l’impiego precario la condanna di molti, tra cui Elisabeth e il suo lavoro di insegnante all’università.
Autunno di Smith è un libro intenso, poetico, che riflette sugli eventi che scuotono la nostra società di oggi e ci aiuta a capire meglio la realtà incerta che ci circonda, analizzando moltissimi temi della politica attuale. Una visione amara ma non disperata: c’è speranza ed è proprio dagli insegnamenti del vecchio Daniel che possiamo ricominciare a pensare noi stessi e gli altri.

«Bisogna sempre leggere qualcosa, disse lui. Anche quando non stiamo fisicamente leggendo. Altrimenti come facciamo a leggere il mondo? Pensala come a una costante».

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo su

Nona Fernández al Festivaletteratura

Le narrazioni ufficiali della storia offrono una ricostruzione dove le categorie di innocenza e colpevolezza viaggiano su due binari paralleli, un racconto che a volte nasce da un compromesso tra ciò che può essere detto e ciò che potrebbe, o dovrebbe, rimanere sottaciuto. La letteratura deve invece fare i conti con un materiale che è molto più difficile da catalogare, dove il bene e il male sono spesso compresenti e le distinzioni tra vittime e colpevoli appaiono più labili. Perché grazie alla realtà della finzione narrativa entriamo nei panni di chi è altro da noi e ne conosciamo emozioni, ricordi, speranze frustrate, paure. E sopratutto ci chiediamo: come avremmo agito se fossimo stati al loro posto? Articolo di Leggiledonne apparso su LuciaLibri.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo su

Paulina Chiziane: Ballata d’amore al vento

Paulina Chiziane è la prima scrittrice mozambicana ad aver scritto un romanzo ed è oggi considerata una delle autrici africane più importanti di lingua portoghese. Nei suoi testi rivisita gli eventi storici che hanno segnato la storia recente del suo paese, discutendo tematiche centrali del contesto politico e sociale mozambicano: il processo di decolonizzazione, il razzismo, la sottomissione della donna e la poligamia.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo su